Calamità naturali e siti produttivi: protezione e polizze assicurative

4 July, 2018|Categories: Notizie|


AfDB: Banca Africana di Sviluppo; BID: Banca Interamericana di Sviluppo; BM: Banca Mondiale; UE: Unione Europea

L’Italia è connotata da un territorio densamente urbanizzato e ad alta pericolosità per cause naturali: il rischio di danni causati da eventi naturali è sempre più elevato e necessita di essere affrontato anche attraverso un’oculata gestione del trasferimento del rischio.

Consulta la pericolosità idrogeologica in Italia e nel mondo (Fonte: FM global)

BETA Studio fornisce, alle aziende interessate, studi ingegneristici specifici per valutare il rischio idrogeologico a cui può essere soggetto il proprio sito produttivo: numerosi sono ad oggi i casi affrontati in Veneto, Emilia Romagna, Toscana, Lazio, Abruzzo.

Il metodo di valutazione determina il rischio considerando la probabilità di allagamenti in caso di piena, la morfologia del territorio, le caratteristiche strutturali del sito produttivo, la normativa e la pianificazione vigente. Lo studio del rischio può essere completato:

  • dall’individuazione e dalla progettazione degli interventi necessari per mettere in sicurezza gli impianti a rischio;
  • dall’analisi dell’efficienza del sistema di raccolta e smaltimento delle piogge, presente nel sito, nel caso di eventi intensi;
  • dalla ricerca di eventuali opportunità di agevolazione per gli interventi necessari alla sicurezza, concesse dalla normativa vigente.

Queste informazioni permettono alle aziende di affrontare e diminuire il rischio naturale a cui sono sottoposte e affrontare in modo consapevole la stipula di polizze assicurative di trasferimento del rischio stesso.

Se vuoi approfondire:
Farina (ANIA): “Le piccole e medie imprese sono molto sottoprotette”

ANIA: Catastrofi naturali: gli eventi del 2016 e una prima stima dell’attuale esposizione del mercato assicurativo