Seminario SMA.RI.GO. SMArt RIver GOvernance


Si è svolto, dal 15 al 17 giugno scorso ad Orvieto, il primo seminario tecnico nell’ambito dell’iniziativa SMA.RI.GO. – Smart river governance.
Il seminario, organizzato da ALTA SCUOLA e BETA Studio s.r.l.- nel ruolo di Consulente tecnico del settore – ha avuto come beneficiario la Repubblica di Moldova ed in particolare l’Autorità statale per la gestione dei bacini idrografici (State Enterprise Basin Water Management Authority of Moldova/Directia Baziniera de Gospodarire to Apelor, SEBWMA/DBGA), rappresentata da otto esperti Moldavi dell’ente statale.

I lavori si sono aperti presso la sede di Alta Scuola il 15 giugno cui è immediatamente seguita una visita tecnica nel bacino del Fiume Paglia, guidata dal personale del “Consorzio Bonifica Val di Chiana Romana and Val di Paglia”, Mario Mori e Rutilio Morandi.

Nella giornata del 16 giugno ha avuto inizio il seminario nella sede del consiglio comunale di Orvieto. Il tema principale è stato la gestione del rischio da inondazione e la relativa protezione del territorio. Il seminario è stato moderato da Endro Martini, capo progetto di SMA.RI.GO. e da Agostino Avanzi (BETA Studio s.r.l.) ed ha visto la partecipazione del sindaco di Orvieto, Giuseppe Germani, dell’ambasciatore della Repubblica di Moldova, S.E. Stela Stîngac, di Lorenzo Benedetto, membro della Commissione Difesa del suolo del Consiglio Nazionale Italiano dei Geologi e Matteo Tonelli, Presidente del Centro Studi Città di Orvieto.
Sono inoltre intervenuti oltre all’ing. Agostino Avanzi di BETA Studio, Michela Miletto, vice-coordinatore del World Water Assessment Programme (UNESCO), Paolo Angelini in rappresentanza del ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, Giancarlo Marchetti per l’Agenzia Regionale di Protezione dell’Ambiente della Regione Umbria, Adriano Ciani esperto agronomo dell’università di Perugia, Nicola Berni di Alta Scuola, Alexandru Tabacaru, in rappresentanza di SEBWMA/DBGA, Massimo Bastiani, esperto italiano dei “Contratti di Fiume”, Coordinatore di AG422 Smart River Network – EIP Water.
In relazione ai temi più specifici collegati al tema della difesa del territorio, Nicola Berni ha illustrato in generale lo stato di vulnerabilità del territorio italiano rispetto al rischio da inondazioni, soffermandosi in particolare sull’esempio del bacino del fiume Paglia.
Agostino Avanzi ed Alexandru Tabacaru hanno successivametne illustrato gli analoghi problemi esistenti nei bacini della repubblica di Moldova (con riferimento ai risultati del progetto condotto da BETA Studio “Protezione dalle piene in Repubblica di Moldova” – finanziato dalla Banca Europea per gli Investimenti – BEI) In particolare è stata posta attenzione sulle principali problematiche che emergono in relazione alla trasposizione delle direttive europee in materia di gestione delle risorse idriche e di sicurezza idraulica (2000/60/EC and 2007/60/EC), nella prospettiva della diffusione ed adozione di strategie di contrasto più adeguate attraverso la realizzazione di iniziative sull’esempio dei “Contratti di Fiume” (obbiettivo principale del progetto SMA.RI.GO).

Nel pomeriggio del 16 giugno e durante l’intera giornata del 17 le attività sono proseguite con una serie di workshops coordinati da Massimo Bastiani, con il contributo di Agostino Avanzi e Nicola Berni. I lavori sono stati condotti sulla base della metodologia EASW (European Awareness Scenario Workshop), particolarmente efficace nei contesti locali, che può diventare un utile strumento per promuovere la transizione verso modelli di sviluppo sostenibile e condiviso, sulla base di un attento utilizzo delle risorse, da proporre anche per la realtà Moldava.
Alla fine delle attività è seguita una discussione sui risultati raggiunti, mettendo a confronto le idee di progetto, le azioni ed i suggerimenti in relazione ai vari aspetti trattati (qualità delle acque, difesa contro le inondazioni, agricoltura, paesaggio, ecc..). Questo esercizio partecipativo, è stata orientato a introdurre l’approccio del “Contratto di Fiume” al bacino del fiume Botna in Moldavia.

Nella settimana dal 4 all’8 ottobre 2016 BETA Studio coordinerà la missione della delegazione degli esperti italiani in Moldova.